Moretti dica qualcosa di sinistra

18/07/2009

Scopro qui di questa *incoraggiante* intervista di repubblica a Nanni Moretti. Le solite cose: lavori in corso, progetti futuri, cosa ne pensa di questo e di quello. Insomma tutto sotto controllo, come da copione, ma, per chiudere in bellezza, arriva la sparata finale:

C’è molto allarme per la pesante decurtazione dei fondi pubblici destinati al cinema.
“So e capisco tutto. Però c’è anche una responsabilità del pubblico, per il quale il cinema non è più centrale. Tutti stiamo sottovalutando il momento di difficoltà delle sale, che ora chiuderanno una ad una. Perché le persone sono disposte a spendere qualsiasi cifra per mangiare in un ristorante dove devono urlare per farsi sentire. O per una partita che forse finirà zero a zero. Ma il cinema, la cosa che è aumentata di meno negli ultimi quindici anni, quello no: costa troppo. Per non parlare dell’abitudine orrenda di scaricare illegalmente da Internet. E basta con il luogo comune di premettere sempre: “io non do giudizi”. Io sì, li do. Non mi piace quel modo di vivere lì! Non mi piace che uno stia con il culo appiccicato alla sedia e con la sedia appiccicata al computer. Mi piace più il mio, di modo di vivere. E vedere i film in un cinema, in mezzo agli altri. Tra poco i cinema chiuderanno tutti. E non è colpa della politica o delle istituzioni, ma delle persone che hanno la possibilità di scegliere di fare una cosa e un’altra. Anche tra noi, registi o scrittori, c’è chi potrebbe scegliere ma non lo fa. Io, da quando fondai la Sacher con Angelo Barbagallo, ho escluso la possibilità di farmi finanziare i film dal gruppo Berlusconi. Ho cercato di essere coerente. Una cosa imparata da mio padre, che era liberale”.

Pubblico beota che non capisci nulla di cinema e che scarichi film da Internet, vergognati! Verrebbe da rispondergli: “Moretti di qualcosa di sinistra”. O meglio, verrebbe da chiedergli: “Perchè insultare in modo così rozzo persone che hanno gusti e abitudini diverse dalle sue? Che ne sa Lei della Casalinga Treviso, del Bracciante Lucano, del Pastore Abruzzese? Perchè deprecare in modo così ottuso pratiche che posso innescare meccanismi virtuosi per i mercati di sbocco? Perchè arroccarsi nella polverosa e passatista idea che il film se non passa in sala non è degno di nota? Sa che esistono tantissimi film che circolano solo sul Web e che non riuscirebbero a uscire in sala? E sono bei film. Si è mai posto il problema di distribuire un suo capolavoro su una piattaforma on-line? Magari potrebbe guadagnarsi un pubblico più vasto, magari internazionale? Cosa ne sa Lei del Cybernauta di New York? Di cosa guarda e come lo guarda…? Sa che i film, da diversi anni ormai, non si fruiscono più solo in sala e non solo sui computer, ma anche (si turi il naso) sui lettori portatili, in treno e in aereo? E ancora, perché se i cinema chiudono dovrebbe essere colpa degli spettatori? Le è mai sorto il dubbio che forse le cose potrebbero andare esattamente al contrario? Moretti, perché parla di cose che non conosce?”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: