Come combattere la pirateria in cinque minuti

01/07/2011

[Re-post da Digital Piracy]

Cinque minuti. Venti slide temporizzate. Quindici secondi l’una e l’obiettivo di spiegare agli astanti che la pirateria non è poi tutto questo guaio.

Qualche giorno fa al Forum della comunicazione ho partecipato al mio primo Ignite. Ora, visto che i byte me lo concedono, proverò a motivare meglio alcuni suggerimenti che ho cercato di mettere insieme nel tentativo di spiegare come  imparare ad amare la pirateria e vivere felici.

Saltiamo i convenevoli e la presentazione della ricerca (slide 1 e 2) e arriviamo al dunque, ma non dimentichiamoci il punto di partenza: (slide 3) l’idea che la pirateria non sia un nemico, piuttosto un opportunità; uno strumento promozionale, un generatore di innovazioni. Quindi:
  • 4 – Combattere la pirateria significa ripensare il proprio modello di business e il proprio rapporto con i pirati e con i fan di un prodotto culturale. In generale, le industrie culturali sembrano preferire la ciriminalizzazione delle pratiche degli utenti all’innovazione delle dinamiche produttive e distributive. Preferiscono indurre il terrore piuttosto che cercare di comprendere le ragioni dei cosiddetti pirati.
  • 5 – Come dice Chris Anderson
If it’s digital, sooner or later it wil be free.
L’accesso gratuito ai contenuti è un modo per costruire una larga community, per aumentare la penetrazione di un prodotto nel mercato e incoraggiare la partecipazione diretta. Tuttavia la pirateria è un fenomeno esterno ai modelli di free economy, non è certo una scelta ponderata, inscritta in un modello di business.
  •  6 – Però bisogna anche chiedersi quale sia il vero problema di un creatore di prodotti culturali. Ci aiuta Tim O’Rielly che afferma :
An artist’s enemy is obscurity, not piracy
È più utile mantere il ferreo controllo sui prodotti culturali o lasciare che le persone li condividano anche con strumenti non del tutto leciti?
  • 7 – Secondo Univideo, FAPAV, MAPAA ,RIAA, il principale fattore di crisi delle industrie culturali è la pirateria– ammesso che ci sia una crisi.
  • 8 – Di segno completamente opposto sono le posizioni del  GAO – United States Government Accountability Office (pdf), del Governo olandese (pdf) e di  un numero significativo di ricercatori indipendenti concordi nel sostenere che gli effetti della pirateria non siano quantificabili e rilevanti: nei fatti non è possibile stabilire con certezza assoluta una netta relazione tra eventuali cali dei consumi e pirateria.
  • 9 – Ma se volessimo affrontare il problema della pirateria e cercare di ridurre le pratiche illegali e convogliarle verso canali legali e istituzionali cosa dovremmo fare? Quali potrebbero essere le scelte operative per convincere i pirati a rivolgersi a servizi a pagamento? Ecco alcune possibili linee guida da seguire:
  • 10 – Adottare una politica di prezzi al ribasso e modulare possibilità di accesso che incontrino esigenze di budget differenti (dal noleggio singolo, all’abbonamento…)
  • 11 – Colmare le lacune distributive. Anche quelle presenti nei mercati tradizionali, fatti di atomi: è prioritario sanare quei vuoti distributivi e infrastrutturali tipici di certe aree del sud Italia e delle periferie. Dove non arriva la distribuzione canonica e a pagamento arriva la pirateria.
  • 12 – Ascoltare le esigenze dei platform agnostic: coloro che fruiscono di contenuti a prescindere dalla piattaforma o dalle dimensioni delle schermo. Fornite loro tutti i formati disponibili sul mercato altrimenti qualcun altro lo farà al posto vostro.
  • 13 – Ascoltare le esigenze delle nicchie: fornire contenuti in lingua originale con sottotitoli, assecondare i palinsesti personali
  • 14 – Essere più veloci delle forme di intelligenza collettiva: lo ammette anche la Warner Broscon riferimento alle dinamiche di fansubbing strettemente legate alla distribuzione pirata.

In the international markets, illegal WB content in which pirates dub or subtitle themselves is increasingly popular. For one unspecified program Karakunnel [ director of business intelligence at WB] used as an example, it wasn’t until the third day after its initial airdate that one such pirate-created translated version accounted for 23% of pirated files of that particular program. By day 10, it accounted for 74%.
Said Karakunnel, “If we can get dubbed or subtitled language versions in the first two days, we can beat them to the punch.”

  • 15 – Ricordarsi che la pirateria è in grado di aggregare la domanda, far crescere la richiesta di prodotti complementari e creare effetti di network e quindi è in grado di conferire ad un prodotto una posizione dominante sul mercato. Ne sono un esempio Photoshop e il sistema operativo Windows.
  • 16 – Ricordarsi che i peggiori pirati sono migliori investitori: chi scarica avidamente consuma di più su canali legali. Lo dice la Warner Bros.:

Even the most diehard pirates spend some money, though less than more casual infringers. “One of the main things we’re doing is looking at why they do things legitimately on certain products and not on others,”

  • 17 – La pirateria crea persistenza, estende la vita media di un prodotto, incrina le ciclicità e le routine delle industrie culturali e crea dei mercati paralleli in cui i prodotti non finiscono fuori catalogo, non vengono più programmati in TV non vengono tolti dai palinsesti dei cinema o dagli scaffali di un negozio.
  •  18 – Non sottovalutare la capacità promozionale degli UGC soprattuto di quei prodotti creati dal basso a partire da forme di appropriazione indebita di contenuti. Gli UGC  sono capaci di innescare dinamiche di passaparola e di consumo a pagamento.
  • 19 – Infine, bisogna ricordarsi che la  volontà di pagare sembra essere strettamente legata alle dinamiche di partecipazione all’interno di una community.Gli utenti più attivi all’interno di servizi di free riding come Last.fm si dimostrano più sensibili verso forme di consumo a pagamento.
  •  20 – Queste sono alcuni dei nostri consigli per “sconfiggere la pirateria”. Quali sono i vostri?
[Re-post da Digital Piracy]

3 Risposte to “Come combattere la pirateria in cinque minuti”

  1. Roberto Zanoni Says:

    a me sembra una roba da parvenu’..
    chi crea,come me,deve avere un riconoscimento in natura economica qualora lo ritenesse opportuno.
    giustificare la liberta’ assoluta è sempre un problema..per 100 persone ci sono 4 persone che delinquono e questi vanno fermati per aiutare gli altri 96.
    la maggioranza..tutto qui..
    esprimere i pareri è sacrosanto ma bisogna sempre contestualizzare e capire con un pizzico di buon senso,che abbiamo tutti noi nel substrato emotivo per istinto,che certe cose non si possono fare anche se vogliamo.
    che poi la pirateria abbia un suo fascino e rientri nel marketing sono d’accordo ma è una pirateria “controllata”.
    io sono regista e musicista e,salvo alcune eccezioni di marketing promozionale in cui regalo le cose,voglio avere un riscontro economico.
    la soluzione in australia è stata fatta con il simple cd:materiale meno resistente che viene rovinato anche dal masterizzatore piu’ professionale.
    il cd,che costa 6 centesimi in se,abbassa il prezzo complessivo.
    qui in italia è l’unico modo per compensare l’iva.
    un cd da 20 euro di un cantante famoso,scende a 10 euro,senza intoccare i grandi guadagni.
    a quel punto,per 10 euro,avere un cd,con copertina,custodia e tanta roba “pura”[perche’ inevitabilmente un prodotto piratato ha sempre limitazioni in qualche modo anche se copiato bene]ha un senso e la gente spende volontieri..
    la qualita’,al prezzo giusto,paga sempre🙂

    • yurg Says:

      Hai ragione, chi crea contenuti ha il diritto di pretendere di essere pagato. Questo punto non è messo in discussione. Il problema alla base di tutto, dimostrato da diverse ricerche internazionali, è che la pirateria nei fatti ha degli effetti tutto sommato trascurabili.
      Detto ciò, la questione centrale è quella di cercare di capire come fare soldi in un mercato in cui l’abitudine ad accedere gratuitamente a contenuti gratuiti è largamente diffusa: ciò non significa che le persone non siano disposte a pagare. tutt’altro! pagano molto volentieri, ad esempio, per i concerti (dove gli artisti guadagnano di più) dove si vendono grandi quantità di merchandising.
      Tu porti l’esempio di un mercato in profonda e radicale trasformazione: quello dei supporti CD. Bisogna considerare l’intero indotto che si può costruire intorno a un artista; non importa che si tratti di un nome di grande richiamo o di un artisti meno noto. Certo se poi mi vieni a dire che queste cose degradano l’arte, siam da capo…
      Comunque mi permetto di consigliarti il blog digitalpiracy.wordpress.com dove portiamo avanti la discussione sulla pirateria in varie tipologie di industrie culturali

      p.s.: parvenu vuol dire “persona che ha acquisito una condizione economica e sociale superiore senza adeguarsi ai modi e alle maniere del nuovo contesto di appartenenza” http://it.wiktionary.org/wiki/parvenu

  2. roberto zanoni Says:

    🙂
    non ho capito se mi criticavi
    a milano parvenu vuol dire “un roba ridicola”

    ti seguo in quel blog a presto🙂


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: