Posts Tagged ‘spot’

8 buoni motivi per amare la pirateria e vivere felici

16/04/2009

1. La pirateria è un problema solo se non la si considera come un’opportunità. Bisogna solo saper riformulare il proprio business model.
2. Una copia piratata non equivale a una copia invenduta. Gli incassi al botteghino lo dimostrano.
3. Il creatore di contenuti non vive grazie al copyright (a meno che non si tratti di Stephen King).
4. La pirateria incoraggia l’acquisto di altri prodotti (vedi merchandising, concerti, edizioni speciali).
5. La pirateria stimola il passa parola e quindi la reputazione di un artista o di un prodotto.
6. La pirateria colma le lungaggini, la lentezza e le lacune dei distributori.
7. Le stime relative ai danni della pirateria sono sbagliate, non aggiornate o sopravvalutate.
8. Gli spot antipirateria sono tremendi

Build on the past

26/03/2009

Creativity always builds on the past è un mashup promozionale per il movimento Creative Commons impegnato da tempo nella riformulazione del concetto di proprietà intellettuale.



Appropriation & Culture Jamming
, invece è un video di rc4rdo che si propone di illustrare le logiche del sabotaggio culturale.

La pratica del culture jamming consiste nella decostruzione dei testi e delle immagini dell’industria dei media attraverso la tecnica dello straniamento e del détournement, cioè lo spostamento di immagini e oggetti dalla loro collocazione abituale per inserirli in un diverso contesto semantico dove il loro significato risulti mutato, se non capovolto. Il risultato è in genere la trasmissione di un messaggio di critica radicale del sistema economico che avviene per mezzo dello stravolgimento del suo apparato ideologico-pubblicitario, nel tentativo di liberare l’individuo dal ruolo di ricevente passivo e indurlo a un consumo critico e consapevole del linguaggio dei media.

In entrambi i casi, lavorare su ciò che già esiste, sul nostro passato mediatico, è un passaggio fondamentale dal quale far nascere nuove forme di partecipazione

2009

31/12/2008

288.000 candele per gli auguri di buon 2009 di GDF Suez, il colosso europeo dell’indistria energetica.

Qui il backstage.

Buon anno!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: