Posts Tagged ‘star trek’

How many girls on the dance floor?

03/07/2009

…on the dance floor è un vid di sloanesomething; presupposto del lavoro è criticare la versione di Star Trek targata J.J. Abrams. Così la pensa la creatrice:

So, I saw Star Trek, and I couldn’t NOT make this.
Disclaimers: First vid, weird quality, made with horrible program.
Double disclaimer: I love Uhura! I just wish there had been, you know…more of her. (NOT ENOUGH LADIES, TOO MANY MANS.)

Il vid nasce dall’esigenza di denunciare l’assenza di figure femminile nel cast dell’ultimo Star Trek.
Il dibattito aperto dal vid continua su Political Remix Video, il blog curato da Jonathan McIntosh e Elisa Kreisinger che raccoglie e diffonde video derivati dal ri-utilizzo critico di contenuti della cultura popolare.

Sul post dedicato al vid si legge:

Uhura has the heavy burden of being the only female character with any significant dialog and, to further the disappointment, is written into “the girlfriend” role. The vid is extremely popular in the fan/vidding community, emphasizing the huge demand to see more women in prominent roles on television and in the movies.

Il personaggio di Uhura ebbe infatti un ruolo centrale nella saga di Star Trek: ecco alcune informazioni da Wikipedia Italia alla voce Uhura:

Quello di Uhura è generalmente ricordato come il primo personaggio di colore rappresentato, nella televisione americana, con poteri di comando all’interno di un cast multirazziale. L’attrice Nichelle Nichols, amareggiata per lo scarso spazio dedicato al suo personaggio, stava meditando di abbandonare la serie, ma fu convinta del contrario dal reverendo Martin Luther King, che vedeva il suo personaggio in un ruolo positivo, fonte di ispirazione per le nuove generazioni coinvolte nel difficile processo di integrazione razziale in corso.

Ad Uhura è inoltre legato il primo bacio interrazziale della storia della televisione negli USA (con il capitano Kirk, nell’episodio Umiliati per forza maggiore (Plato’s stepchildren)), trasmesso il 22 novembre 1968, che all’epoca fu motivo di scandalo per non pochi telespettatori e fu censurato (assieme ad altri episodi, ritenuti inadatti per un pubblico giovanile) dalla BBC.

La versione inglese di Wikipedia aggiunge:

Whoopi Goldberg, who later played Guinan on Star Trek: The Next Generation, described Uhura as a role model for her, recalling that she told her family, “I just saw a black woman on television; and she ain’t no maid!”. NASA later employed Nichols in a campaign to encourage African Americans to join the service, and Dr. Mae Jemison, the first African-American woman to fly aboard the Space Shuttle, cited Star Trek as an influence in her decision to join.

Insomma, a conti fatti, a dispetto della rilevanza del personaggio di Uhura, il vid si limita a una critica quantitativa (non abbastanza donne, troppi uomini). L’aspetto più interessante è legato al ribaltando il senso della canzone (non saprei se più misogena o più omofobica) To many dicks on the dance floor dei Flight of the Concord, nata come lamento maschile per l’assenza di presenze femminile sulla pista da ballo.
Come notano i tipi di Political Remix Video, la traccia musicale è la chiave di lettura di molti vid (qui il testo). Resta però la sensazione che il vid sia riuscito solo a metà proprio perchè si limita alla conta dei maschi e delle femmine senza capire con precisione come si comportano gli uni e le altre.

What if they hadn’t made it to Vulcan in time?

30/11/2008

Dizionario ragionato:

Pon farr: stato fisiologico che regola l’attività riproduttiva dei vulcaniani di sesso machile. Ogni sette anni i maschi vulcaniani vanno in una sorta di calore che li spinge irresistibilmente all’accoppiamento. Secondo l’Accademia Vulcaniana della Scienza

Il soggetto avverte un crescente stato d’irrequietezza, che gli riesce sempre più difficile controllare, cui si unisce un disagio fisico, che si manifesta con cefalee, crampi, intolleranza alla luce intensa e ai suoni acuti, avversione al cibo. Il Sonno diviene sempre più raro e disturbato, non di rado si riscontra la comparsa di sogni erotici, che non conducono però mai ad un climax liberatorio, ma
contribuiscono ad aumentare enormemente la tensione fisica ed emotiva. In queste condizioni la mente risulta incapace di mantenere la concentrazione sulle normali attività quotidiane e spesso il soggetto è portato a compiere atti inconsulti, di cui non conserva memoria. Tuttavia, il soggetto resta pur sempre cosciente e ben consapevole di quello che gli sta accadendo; da ciò deriva il comprensibile imbarazzo che egli prova di fronte ad eventuali testimoni del suo stato e il desiderio di sfuggirne la presenza.

Si tratta di una manifestazione talmente violenta che se non liberata con l’accoppiamento deve essere placata attraverso combattimenti rituali.

Slash fiction: è una particolare variazione della fan fiction che propone storie incentrate su relazioni sentimentali e sessuali tra personaggi maschili non necessariamente presenti nei testi dai quali sono create le narrazioni dei fan.

Mashup: esistono diverse tipologie di mashup. Il video mashup è il remissaggio di diverse fonti audiovisive che da origine a un lavoro derivato generalmente caratterizzato da un taglio satirico.

Closer di T. Jonesy and Killa è il risultato delle delle pratiche di slash fiction e mashup (con un po di pon farr!). Qui viene spiegato meglio…

Slash fiction + mash up

22/11/2008
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: